Offriamo assistenza completa, mirata e personalizzata in ambito di contributi e agevolazioni alle Imprese, Pubbliche Amministrazioni e Public Utilities, proponendo un servizio “chiavi in mano” che accompagni le stesse in tutte le fasi del progetto finanziato

finanziamenti e agevolazioni

Esplora i bandi disponibili per finanziare i tuoi progetti di innovazione

Il Bando ha l’obiettivo di incentivare la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese del settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e nel settore turistico. Sono ammissibili le spese sostenute per l’implementazione di:

  1. Tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solu-tions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o
  2. Tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera

L’importo di spesa deve essere non inferiore a 50.000 euro e non superiore a 500.000 euro. Le agevolazioni sono concesse sulla base di una percentuale delle spese ammissibili pari al 50%, articolata come segue:

  1. 10% sotto forma di contributo
  2. 40% come finanziamento a tasso zero

Le domande possono essere presentate dalle ore 12.00 del 15 dicembre 2020

VAI ALLA SCHEDA COMPLETA

Il Bando ha l’obiettivo di sostenere la creazione di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile. La dotazione finanziaria complessiva per la concessione delle agevolazioni ammonta a 20 milioni di euro.

Possono beneficiare delle agevolazioni le iniziative che prevedono programmi di investimento, realizzabili a livello nazionale, promossi nei settori: produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli; fornitura di servizi; commercio di beni e servizi e turismo.

Si considerano ammissibili per l’agevolazione le spese sostenute per.

  1. Opere murarie e assimilate (ammissibile in percentuale variabile in base al settore di appartenenza)
  2. Macchinari, impianti e attrezzature varie nuovi di fabbrica
  3. Programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione
  4. Acquisto di brevetti o di relative licenze d’uso
  5. Consulenze specialistiche, nel limite del 5% dell’investimento ammissibile
  6. Oneri connessi alla stipula del contratto di finanziamento agevolato
  7. Costi di gestione nei limiti del 20% dell’investimento ammissibile.

Il progetto d’investimento, di importo non superiore a 1.5 milioni di euro al netto dell’IVA, dovrà essere realizzato entro 24 mesi dall’approvazione della graduatoria.

L’agevolazione, con copertura pari al 90% dell’investimento, sarà concessa così come segue:

  • massimo 20% sotto forma di contributo
  • restante parte con finanziamento a tasso zero di durata decennale

Le domande potranno essere presentate fino ad esaurimento fondi.

VAI ALLA SCHEDA COMPLETA

La misura fa parte del Nuovo Piano Transizione 4.0 e prevede che i titolari di reddito d’impresa possano godere di un credito d’imposta sul periodo 2020-2021 per l’acquisto di: 

  1. Beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati
  2. Beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0
  3. Altri beni strumentali materiali, diversi dalle categorie di cui sopra

Per investimenti di cui al punto a) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 40% del costo per la quota di investimenti fino a 10 milioni di euro;

Per investimenti di cui al punto b) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 15% del costo nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 700.000. Si considerano agevolabili anche le spese per servizi sostenute mediante soluzioni di cloud computing per la quota imputabile per competenza

Per investimenti di cui al punto c) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 6% nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 2 milioni di euro

VAI ALLA SCHEDA COMPLETA

La misura fa parte del Nuovo Piano Transizione 4.0 e prevede che i titolari di reddito d’impresa possano godere di un credito d’imposta sul periodo 2020-2021 per l’acquisto di: 

  1. Ricerca fondamentale, ricerca industriale, e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico
  2. Innovazione tecnologica finalizzata alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati
  3. Design e ideazione estetica per la concezione e realizzazione di nuovi prodotti e campionari

Per investimenti di cui al punto a) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 12% delle spese agevolabili fino a 3 milioni di euro;

Per investimenti di cui al punto b) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 6% delle spese nel limite massimo di 1,5 milioni di euro. La percentuale sale al 10% in caso di innovazione tecnologica finalizzata alla transizione ecologica o all’innovazione digitale 4.0.

Per investimenti di cui al punto c) è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del: 

  • 6% nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 1,5 milioni di euro

VAI ALLA SCHEDA BANDO

L’Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. L’iniziativa è rivolta a tutte le Imprese, anche individuali, su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura e gli Enti del terzo settore, ad esclusione delle micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto, finalizzate al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro:

  1. Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2)
  2. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4

Le risorse stanziate da Inail sono ripartite per regione/provincia autonoma e per assi di finanziamento. Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA.

    • Per gli Assi 1, 2 e 3 il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale fino al 65% delle spese ammissibili, calcolate al netto dell’IVA, sostenute e documentate, per la realizzazione del pro-getto. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un mini-mo di € 5.000,00 ed un massimo di €130.000. Il limite minimo di spesa non è previsto per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.
    • Per i progetti di cui all’asse 4 il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale fino al 65% delle spese ammissibili, calcolate al netto dell’IVA, sostenute e documentate, per la realizzazione del progetto. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un minimo di € 2.000 ed un massimo di € 50.000.

Apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda: 1° giugno 2021

Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda: 15 luglio 2021 entro le ore 18.00

VAI ALLA SCHEDA BANDO

La misura sostiene gli investimenti per macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonchè software e tecnologie digitali, agevolando l’accesso al credito alle MPMI. Il contributo è determinato in conto interessi come segue:

  • 2,75% degli interessi maturati per gli investimenti ordinari
  • 3,575% degli interessi maturati per gli investimenti in tecnologie 4.0

Patent Box è il regime di agevolazione fiscale rivolto a tutti i titolari di reddito d’impresa che esercitano attività di Ricerca e Sviluppo. Consiste nella detassazione del 50% dei redditi derivanti dall’utilizzo di opere d’ingegno, brevetti industriali, disegni e modelli, processi e formule.

Scopri in dettaglio i bandi

Desideri maggiori
informazioni?